Rai Gulp OK

Versus - Photogallery





Gli sport

Le sfide

Scherma

    » Segnala ad un amico


    Scherma vs Tennistavolo


    In senso etimologico "scherma" deriva da "schermire" verbo che ha come significato l'atto del ripararsi, del difendersi. Alcuni studiosi fanno derivare tale termine dal tedesco arcaico "skirmen", che vuol dire proteggere e, per sinonimia, difendere o difendersi. Nel Vocabolario dell'Accademia della Crusca infatti si trova questa definizione: "scherma, schermire è riparare con arte il colpo che tira il nemico e cercare di offenderlo sempre". L'arte della scherma appunto. Tale arte si evolve nel corso di più secoli, accompagnata anche dall'evoluzione delle sue armi a partire dalle prime armi da taglio, passando dal gladio romano fino, ai famosi spadoni medievali, ad arrivare ai giorni nostri alle armi da punta e da taglio. Il duello inizialmente limitato alla scherma militare, fu esteso poi all'uso civile come salvaguardia dell'onore e dei principi morali. Se però nella prima metà del XVI secolo il duello si faceva ancora impugnando due armi (spada nella mano destra e daga nella sinistra), presto l'uso fu abbandonato a favore della velocità delle azioni e della maneggevolezza dell'arma principale che, per merito dell'italiano Camillo Agrippa divenne prevalentemente di punta. La scoperta dell'efficacia dell'affondo da parte dello stesso Agrippa, permise alla scherma un ulteriore progresso di eccezionale importanza; furono infatti definitivamente messe in disuso le vecchie e pesanti armature, scudi e spadoni del Medio Evo per far strada a spade sempre più maneggevoli utilizzabili non più con due, ma con una sola mano. Il Cinquecento fu un secolo d'oro per la scherma italiana, in esso si gettano le basi di quella che sarà la scherma moderna. Il Seicento fu invece il secolo di "cappa e spada", in cui nacquero le basi del codice cavalleresco che arriverà quasi immutato fino ai giorni nostri. Già in questo secolo si videro i primi fioretti con punta coperta da un bottone allo scopo di evitare incidenti tra i duellanti, a sottolineare il carattere sportivo delle competizioni. Nell'Ottocento nasce di fatto la moderna scuola italiana di scherma. Fu in questo secolo che gli schermidori si allenano fino a nove ore al giorno, affiancando all'esercizio e studio della tecnica e all'agonismo della scherma, la pratica di ginnastica e di attrezzi, precorrendo di molti decenni gli attuali sistemi di allenamento. La nascita nel 1913 della Federazione Internazionale di Scherma (FIE) e lo svolgersi delle Olimpiadi fecero sì che la scherma si trasformasse da semplice concetto di arte in un vero e proprio sport da combattimento. 

    LE ARMI

    Il Fioretto: i più piccoli iniziano la scherma con quest'arma, che può colpire solo di punta ed è ritenuta da molti la più adatta per imparare le azioni fondamentali. Il bersaglio valido è tutto il tronco, coperto da un giubbetto conduttivo. Testa, braccia e gambe sono bersaglio non valido, anche se dal 1° gennaio del 2009 è stata introdotta come bersaglio valido parte della gorgiera della maschera. In caso di stoccata per entrambi gli avversari, l'arbitro applica la "convenzione": una serie di regole derivanti dalla logica del duello, secondo cui "ha ragione" (e quindi gli viene assegnato il punto) chi attacca per primo, o chi para e risponde, o chi ha l'arma "in linea" (braccio disteso e punta che minaccia il bersaglio valido) prima dell'inizio dell'attacco dell'avversario.

     

    La Sciabola: anche in questa specialità si applica la "convenzione", ma il bersaglio è più ampio, comprensivo di tutta la metà superiore del corpo: il colpo non viene segnalato (come invece avviene nel fioretto) se raggiunge altre parti del corpo. Si può colpire con tutta la lama, quindi di punta, di taglio e controtaglio. E' l'arma più dinamica e veloce.

     

    La Spada: arma che può colpire solo di punta, in tutto il corpo. Non esiste "convenzione": il punto va a chi colpisce per primo. In caso di colpo doppio, possibile solo entro 40-50 millisecondi, si assegna un punto ad entrambi. E' la specialità più matura e meditata ed è quella che più delle altre ha conservato alcune caratteristiche del duello terreno.

     

     


    Rai.it

    Siti Rai online: 847